Lungo la sabbia e l'acqua dell'Adriatico, per il mosaico di terre in collina, verso la magia di pietra dei Sibillini, nel cuore antico dei paesi con le audioguide Travelcast Piceno
Home arrow gli appuntamenti arrow Fuochi nelle notti di dicembre
Fuochi nelle notti di dicembre Stampa E-mail
Scritto da Fabio Curzi   
Ultimo aggiornamento ( venerdì 05 dicembre 2008 )
 

"s'alzano sotto cieli spenti
i canti di chi è nato alla terra ora"
Fuochi nella notte di San Giovanni
Giovanni Lindo Ferretti

La civiltà contadina, quasi distrutta da quella industriale del '900, era necessariamente legata ai cicli delle stagioni. In maniera più o meno consapevole, fin dall'antichità, venivano festeggiati i momenti del passaggio stagionale ed in particolare i tempi legati ai due solstizi, d'estate e d'autunno. Il morire del sole, a giugno, con l'accorciarsi progressivo delle giornate, e la sua nascita in dicembre, che attraverso l'inverno annuncia la primavera, sono infatti passati nel sentimento religioso, pagano prima e cristiano poi.Nelle diverse zone d'Italia i grandi falò serali e notturni sono riti collettivi che vanno piano piano sparendo.

Nella nostra zona le feste della Madonna di Loreto e di Santa Lucia anticipano il Natale, e vengono celebrate con grandi fuochi detti "fochere", ma anche "focarò" o "focaracci". Tradizioni popolari e cristiane, dall'aurea di leggenda, vengono raccontate di generazione in generazione. I fuochi accesi per aiutare Santa Lucia accecata nel martirio. I fuochi accesi per accompagnare il volo notturno degli angeli che portarono la Santa Casa da Nazareth a Loreto, nella notte tra il 9 e il 10 dicembre (giorno della festa della Madonna). La campagna marchigiana che si riempie di fiori rossi notturni.

Io ricordo i pomeriggi da bambino, a cercare la legna, le ramaglie, le assi spezzate nei cantieri, per costruire la nostra fochera sotto casa. Non tanto per sentimento religioso, ma per trasmissione, per ripetere il gesto. E poi il giro con la famiglia alla fochera al porto, a San Benedetto e negli altri angoli del paese o sulla spiaggia. E la musica degli organetti, ancora e sempre più rara, le preghiere delle vecchie, la fava ngreccia e il vino e il pane con l'olio.

Vorremmo provare a costurire una mappa delle fochere. Non solo per sapere dove vengono ancora fatte, ma anche per costruire una mappa dei ricordi e delle tradizioni popolari e personali. Grazie per il vostro aiuto.

Dig it Salva su Salvasiti.com Riporta questo articolo sul tuo sito Aggiungi a lista preferiti

Commenti utenti (1) File RSS dei commenti
Lingua commenti: English (0), Italian (1)
Postato il ruby, 05-12-2008 07:59 ,
1. fochere
ho letto l'articolo... beh in ancarano le focare sono una realtà ancora molto sentita e tuttora intrisa di forte senso religioso-votivo. in paese la sera dell'immacolata s'accende una grande focara comunitaria, si benedice il fuoco, si mangia insieme quello che la gente ha portato da casa. le campagne si accendono di fuochi e s'illumina la notte. ... Visualizza altromi son sempre domandata se è una realtà tipica solo delle nostre zone o diffusa un po' in tutt'Italia. certo, se si potesse dare uno sguardo dall'alto anche il napoletano e la campania risulterebbero pieni di fuochi, ma quelli son focaracci di discarica...  
per restare in tema tradizioni mi chiedevo, anticipando un po' i tempi, ma la notte di natale gli animali parlano dappertutto o solo a casa mia???
 
» Segnala questo commento all'amministratore
» Rispondi a questo commento

Aggiungi il tuo commento



mXcomment 1.0.6 DIGO -  © 2007-2012 - visualclinic.fr - Licenza Creative Commons
Distribuito da FIUH.it - Alcuni diritti riservati
Pros. >
 
Free Joomla Templates